Giovedì  (resilienza)

Fermo l’auto in una piazzola di sosta, mi fermo perché a volte non so proseguire, perché so che sorriderò, perché so che i miscoli facciali risponderanno a impulsi che non so neanche più da dove provengono. È  come quando mi alzo il mattino e mi lavo, mi vesto, salgo in auto e vado a lavorare. Sempre impulsi automatici. Ma mi sto arruginendo e cigola tutto. 

Mi pulsano le tempie, mi fanno male i muscoli di braccia e gambe, lo stomaco in una morsa che non riesco ad allentare, il petto compresso da un macigno che non riesco a spostare.

E vado avanti, perché so che tutto questo è un brutto scherzo dei miei pensieri.  Che non è reale, perché di problemi reali forse non ce n’è. Perché arrendersi non è la soluzione, perché sono intelligente e razionale. Perché devo smetterla. 

Ma continuo a essere sempre più stanca e se non lo dico almeno qui, quei pensieri, lo so, mi mangeranno viva.
Anais

Annunci

11 thoughts on “Giovedì  (resilienza)

  1. I sassi continuano a pesarci addosso, finchè non li spostiamo.
    Non sempre si ha la forza per farli cadere abbastanza lontano per evitare che tornino a darci fastidio, ma se piazzole e blog possono essere quel pò di forza che serve per allontanarli, usali e abusali 😉

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...